La deriva della democrazia e il neofascismo berlusconiano

Una risposta

  1. NICOLO' ha detto:

    PRE FORTUNA OGGI CI SONO ANCORA ARTICOLI COSI.
    IO SONO NICOLO’ DELBENE UN RAGAZZO GENOVESE PALESEMENTE STUFO DELLA DILAGANTE E PERICOLOSISSIMA ACCETAZIONE , DA PARTE DELLA MAGGIOR PARTE DEGLI ITALIANI DEI PRIVILEGI CHE IL PREMIER ARRECA A SESTESSO.PURTRPOO IL RISULTATO CHE IL PROSSEQUO DI QUESTO FASCISMO SUBDOLO E’ ESCLUSIVAMENTE QUELLO DI RIATTUALIZZARE IL FASCISMO DEL 25, IL QUALE FU GODUTO E RIMPIANTO NELLE CAMPAGNE MA ALTRESSI SUBITO NEL MONDO POLITICO:
    FACENDO UNA DISTINZIONE TRA LE CAMPAGNE E LE CITTA’, NON VOGLIO
    OGGI CHE NON C’ E’ PIU’ LA GUERRA L’ ACCETTAZIONE DEL 2 FASCISMO” DEL TERZO MILLENNIO SAREBBE UN’ OFFESA IMPERDONABILE ALL’ ENTITA’ DI ESSERE ITALIANI

    AFFERMARE CHE NELLE CAMPAGNE NON SUBISSERO IL REGIME; ANZI FORSE DIPIU’ MA SICURAMENTE PENSANDO AD ALTRI PROBLEMI:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.